Sab. Mar 2nd, 2024
musicoterapiamusicoterapia

La musicoterapia ci può curare…

Ciò che non si può dire e ciò che non si può tacere, la musica lo esprime! Victor Hugo

Sei stressato, triste, depresso, demotivato, la tua salute fisica proprio non va, non riesci a dormire? Ascolta un certo tipo di musica e starai subito meglio!

La musicoterapia è un’arte praticata empiricamente sin dai tempi antichi, già gli sciamani allontanavano gli spiriti maligni, ritenuti responsabili delle malattie, spaventandoli con ritmi e vocalizzi. Gli effetti della musica sull’uomo sono stati indagati da Platone ed Aristotele, secondo i quali la musica genera sensibilità e conoscenza. I filosofi greci la consideravano una medicina ed un’arte delle Muse, essa è per l’anima quello che la ginnastica è per il corpo.

Essa può essere un valido strumento di trattamento complementare ai trattamenti farmacologici contro le malattie, cancro compreso e per ridurre stati emotivi vari soprattutto se viene integrata ad un percorso terapeutico emozionale personalizzato.

Che cosa è la musicoterapia?

La  musicoterapia è una tecnica terapeutica che impiega la musica e gli elementi musicali, armonia, melodia, ritmo e timbro, al fine di favorire l’integrazione fisica, psicologica ed emotiva del paziente.

Si pone l’obiettivo terapeutico di soddisfare le necessità emozionali, mentali, sociali, cognitive e fisiche della persona in condizione di perdita temporanea o permanente dello stato di salute e di benessere. Non tutti i tipi di musica sono terapeutici però!

Se vuoi benefici ascolta musica a 432 Hz. 

Sia la frequenza d’amore a 432Hz, che quella a 528Hz hanno dimostrato di creare vibrazioni curative per la mente, il corpo e lo spirito. Esse sono spesso inudibili all’orecchio umano, ma vengono avvertite e percepite dal cervello.

Sono in grado di cambiare il tuo ritmo cardiaco, la tua pressione e le onde cerebrali che rilassano la tua mente e attivano il tuo potere interno di guarigione. Buon ascolto! 

ilariacavinapsicologa@gmail.com  tel.+393345761858

Commentate l’articolo, fatemi domande o semplicemente scrivete le vostre esperienze e perplessità…

Per un percorso insieme puoi contattami attraverso la direzione del periodico o ai miei contatti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *