Mar. Mar 5th, 2024
low cost

Low cost? Venni alle Canarie per la prima volta all’inizio degli anni ‘80 con Alpitour, il maggior tour operator italiano di quei tempi.

Viaggiare costava molto e i viaggi aerei erano un lusso certamente non alla portata di tutte le tasche.

I grandi operatori turistici come Alpitour noleggiavano aerei per portare i turisti nelle località più richieste e quindi per viaggiare ad un prezzo ragionevole dovevi usufruire di questi voli charter che però, comprendevano anche il soggiorno in un albergo convenzionato con il tour operator.

Viaggiare in autonomia era veramente costoso e la maggior parte della popolazione europea non era mai salita su di un aereo.

E poi vennero le compagnie low-cost

Una vera rivoluzione nel trasporto aereo, prezzi accessibili a tutti che permisero a milioni di persone di cominciare a viaggiare e conoscere nuovi Paesi.

Le tariffe basse sono spesso il risultato di un modello operativo snodato, con opzioni extra come bagagli registrati, pasti a bordo e servizi premium che comportano costi aggiuntivi. Ciò consente ai passeggeri di scegliere esattamente cosa desiderano e di risparmiare denaro optando solo per i servizi di cui hanno bisogno.

Le compagnie low cost volano praticamente ovunque, destinazioni praticamente sconosciute vengono raggiunte con cadenza regolare consentendo ai viaggiatori di esplorare luoghi nuovi a prezzi convenienti.

Prezzi bassi, servizio spesso scadente

Uno dei principali limiti di queste compagnie aeree riguarda la comodità e il comfort dei passeggeri. Poiché si cercano di tagliare i costi in ogni modo possibile, spesso si offre meno spazio per le gambe, sedili meno comodi e servizi ridotti a bordo.

C’è poi il fatto dei costi nascosti. Sebbene i biglietti siano spesso economici, molte compagnie aeree low cost addebitano tariffe extra per i servizi come il bagaglio registrato, il check-in in aeroporto, il cibo e le bevande a bordo, e persino la scelta dei posti. Ciò significa che il costo totale di un volo può aumentare a dismisura se si aggiungono questi extra al biglietto base. Spesso costa più trasportare una valigia che non una persona.

Le compagnie low cost hanno rivoluzionato il modo di viaggiare in tutto il mondo, ma direi soprattutto alle Canarie dove negli ultimi decenni sono state immesse sul mercato turistico un numero impressionante di ‘abitazioni’, spesso di proprietà di cittadini privati, che hanno investito i loro risparmi per acquistare un mini appartamento o un bungalow in una delle tante località turistiche delle isole.

Questi appartamenti vengono di solito abitati dal proprietario che vi trascorre le vacanze e lo affitta nei restanti periodi ai numerosissimi turisti che giungono da tutta Europa.

Grazie alle compagnie aeree low cost la maggior parte di questi, prenotando con largo anticipo, riesce a godere di una vacanza a migliaia di km da casa ad un costo contenuto.

I voli low cost con le Canarie

La maggior parte dei voli tra Italia e Canarie è garantita dalla nota low cost europea, ovvero Ryanair che, nonostante non sia tra le principali che volano alle Canarie, garantisce ben 22 tratte tra i due Paesi, e più precisamente:

Gran Canaria

  • Bologna
  • Milano Malpensa
  • Orio al Serio
  • Roma Fiumicino
  • Torino
  • Venezia

Tenerife

  • Bologna
  • Orio al Serio
  • Pisa
  • Roma Fiumicino

Fuerteventura

  • Bologna
  • Milano Malpensa
  • Orio al Serio
  • Napoli
  • Roma Fiumicino
  • Treviso

Lanzarote

  • Bologna
  • Milano Malpensa
  • Orio al Serio
  • Pisa
  • Roma Fiumicino
  • Treviso

Alcune rotte sono stagionali (a breve verrà ripristinato tra gli altri il collegamento tra Pisa e Gran Canaria).

E i nostri amici animali?

Le compagnie low cost non consentono di portare con se animali domestici, nemmeno in stiva.

Fa eccezione Vueling che collega le Canarie con le seguenti 12 città Italiane, seppur con voli indiretti con scalo a Madrid o a Barcellona:

  • Bari
  • Bologna
  • Cagliari
  • Catania
  • Firenze
  • Genova
  • Napoli
  • Olbia
  • Palermo
  • Roma
  • Torino

Per concludere una breve riflessione:

Volare con una low cost ha certamente diversi vantaggi, spendi meno, parti da diverse città, anche con piccoli aeroporti.

Fino a che punto vale la pena approfittarne? Affrontare un viaggio di più di 4 ore con le ginocchia del passeggero del sedile di dietro piantate nei nostri reni e con il poggiatesta del sedile anteriore sdraiato all’indietro e che ci spinge il tavolino dritto nello stomaco? E se poi devi andare al bagno? Panico!?!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *