Mer. Feb 21st, 2024
isole canarie

ISOLE CANARIE. Altre 666 persone arrivano e la situazione si aggrava a Tenerife e El Hierro, lasciando El Pinar senza medico e il sud senza pattuglie radio.

Le risorse sono sovrabbondanti nelle Isole Canarie a causa della nuova ondata di migranti.

Immigrati dormono nel garage della stazione di polizia nel sud di Tenerife.

La crisi immigratoria non si arresta!

L’attuale ondata migratoria su isole come El Hierro, ma anche a Tenerife, ha travolto le risorse assistenziali, con immagini che ricordano la drammatica crisi delle imbarcazioni cayuco, avvenuta nella seconda metà del primo decennio di questo secolo.
Ieri sono arrivate 666 persone su sette imbarcazioni: tre a El Hierro, due a Fuerteventura e una ciascuna a Tenerife e Lanzarote.

L’incessante arrivo di migranti su imbarcazioni con le stesse caratteristiche, soprattutto nell’isola di El Hierro (più di 2.250 persone in sette giorni), ha moltiplicato la richiesta di risorse nelle ultime ore.

Il presidente di El Hierro, Alpidio Armas, dopo aver insistito sulla necessità che il governo delle Canarie trasferisca la maggior parte degli oltre 200 minori che si trovano ancora sull’isola di El Meridiano in altre isole, ieri non poteva essere più categorico:

“Non so come potremo continuare con questa situazione. Non è la stessa cosa vedere i numeri che essere qui e vedere il volto della sofferenza che queste persone portano. È straziante”.

Se già a metà della scorsa settimana il direttore tecnico della Croce Rossa di El Hierro, Alexis Ramos, aveva ammesso “momenti di fretta” e “molto lavoro” a causa del continuo arrivo di cayucos, dalla Confederazione Generale del Lavoro vengono ribadite le lamentele per il lavoro faticoso e la mancanza di risorse.

Gli appelli si susseguono…

Il 9 di ottobre, il suo account ufficiale su Twitter ha dettagliato come il personale del Salvamar Adhara abbia trascorso un’intera mattinata senza una pausa per salvare più di 200 persone e sia rimasto in servizio per il resto della giornata, una giornata assolutamente soffocante.

Ma anche i servizi dei cittadini dell’isola sono interessati.
Armas spiega di aver insistito ieri con il presidente delle Canarie, Fernando Clavijo (ieri in visita a La Restinga), sulla “responsabilità di lasciare senza assistenza i servizi sanitari di un’intera isola, soprattutto quelli relativi al comune di El Pinar, a causa della mancanza di risorse per affrontare la crisi migratoria”.

Ha aggiunto che “quando le ferite sono grandi e profonde, come nel caso dell’immigrazione, bisogna usare punti di sutura per chiuderle, non cerotti”.

Gli effetti di questa straordinaria ondata migratoria cominciano a farsi sentire anche a Tenerife.

Tenerife è satura…

Il delegato provinciale della Confederazione spagnola di polizia (CEP), José Luis Gallardo, spiega che il dirottamento dei membri della Polizia nazionale da Tenerife a isole come El Hierro “avviene in condizioni che lasciano molto a desiderare, al punto che devono tirare fuori i soldi di tasca propria se non vogliono mangiare panini a pranzo e a cena per una settimana”.

Chiede quindi “un alloggio organizzato” per loro e, soprattutto, “una forza di polizia nazionale permanente specifica per entrambe le isole, come chiediamo dal gennaio 2022, così come esiste un’unità specifica per gli stranieri e la documentazione per Santa Lucía de Tirajana”.

“Quando arriva un cayuco nel sud di Tenerife o vengono inviati migranti da El Hierro, “la Stazione di Polizia Nazionale rimane senza un numero sufficiente di pattuglie radio per assistere i cittadini, mentre il CATE [Centro di Attenzione Temporanea agli Stranieri] non soddisfa le condizioni minime di sicurezza o di permanenza, con il conseguente rischio sia per gli immigrati che per i poliziotti che li proteggono.

La polizia sta inoltre sottraendo personale, soprattutto alla polizia scientifica di Puerto de la Cruz e La Laguna, che non svolge più le proprie funzioni nei commissariati”, ha aggiunto.

Nella notte sono arrivati a Los Cristianos i 71 occupanti di un cayuco trovato a sette miglia dall’isola, tra cui 12 donne, nove minori e due neonati.

Sempre di notte, un aereo di soccorso ha individuato un gommone con circa 60 persone a 30 miglia da Fuerteventura.

Articolo estratto dal periodico www.tenerifenotizie.es

Grazie alla fattiva collaborazione e stima reciproca instauratasi tra Danilo Bianchini di ‘A.N.S.I. España’ e la nostra Redazione, abbiamo il piacere di presentarvi:

“TENERIFE NOTIZIE é un quotidiano online di informazioni giornaliere di tutta la provincia di Tenerife e dei suoi Comuni. Tale progetto ha, inoltre, l´intento di promuovere, tutelare e valorizzare il patrimonio culturale del Paese che ci ospita…”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *