Ven. Mar 1st, 2024

Asteroidi Julia De León: “Conosciamo molto bene l’orbita di oltre il 90% degli asteroidi che potrebbero causare una catastrofe globale se colpissero la Terra”.

Sugli asteroidi, il 7 novembre 2016, Elena Mora, dello IAC (Istituto Astronomico delle Canarie) ha intervistato Julia de León.

Chi è Giulia de León

Ce lo spiega Elena Mora dello IAC. Julia de León stava raccogliendo dati da più di un centinaio di asteroidi per la sua tesi di dottorato. Collabora con le missioni spaziali della NASA a cui collabora, sono passati anni di grande impegno e le osservazioni sono molto indietro. A La Palma inizia a specializzarsi nella composizione mineralogica degli asteroidi. Le sue ricerche mirano a scoprire cosa succede in oggetti che distano milioni di chilometri da noi e quali effetti potrebbero interessare la Terra.

Un estratto dell’intervista

“Il modo migliore per anticipare una possibile collisione di un asteroide è allocare risorse per il suo rilevamento e studio su base continuativa.

 Attualmente siamo in un momento di punta nell’esplorazione del Sistema Solare, e in particolare quest’anno 2016 è stato molto intenso. In questo momento abbiamo, per conto della NASA, la missione Dawn, che ha analizzato la superficie dell’asteroide Vesta e sta completando lo studio del pianeta nano Cerere, Inoltre la missione OSIRIS-REx, appena iniziata (8 settembre) si recherà sull’asteroide Bennu per portare campioni dalla sua superficie; missioni su Marte, compresi i rover che ne stanno studiando la superficie ( Curiosity e Opportunity ) e la missione Juno , destinata a studiare Giove, e che è entrata in orbita attorno al pianeta nel luglio di quest’anno. Inoltre, l’Agenzia spaziale giapponese (JAXA) ha lanciato nel 2014 la missione Hayabusa 2 per portare campioni dall’asteroide Ryugu, e l’arrivo a destinazione è previsto a metà del 2018.

Guardando al futuro, certamente avremo un’attività spaziale sempre più intensa e stimolante”.

Studio delle superfici degli asteroidi e la loro composizione interna

“Studiamo le superfici planetarie e quelle degli asteroidi scattando immagini ad alta risoluzione spaziale (nel caso di missioni). Analizziamo così in grande dettaglio la morfologia di queste superfici, dove troviamo una grande varietà di strutture geologiche: crateri, montagne, valli, rocce, ecc.. Utilizzando una serie di filtri o direttamente uno spettrografo, otteniamo anche informazioni sulla composizione di queste superfici.

Non possiamo avere informazioni dirette sulla composizione dell’interno di questi corpi. Tuttavia, possiamo dedurle studiando il materiale proveniente dalle aree esposte, come i crateri, raccogliendo informazioni sulla massa e la densità dell’oggetto”.

Quali sono gli aiuti informatici

“Bisogna tenere conto che le immagini che otteniamo con le telecamere a bordo delle navi sono proiezioni bidimensionali di una superficie tridimensionale. È necessario correggere effetti come l’ombra proiettata da un rilievo sul terreno che viene confusa con uno oscuramento della materia dovuto al cambiamento della composizione. Per questo motivo, i programmi sono complessi e incorporano molte informazioni provenienti dai sensori della nave. Questi vengono utilizzati come riferimento spaziale e aiutano a mappare la superficie creando un modello con forma tridimensionale che elimini questo tipo di errori”.

I pericoli per la Terra

Gli oggetti erranti non sono altro che i cosiddetti asteroidi vicini alla Terra, e quelli che si avvicinano “molto vicino” sono chiamati “potenzialmente pericolosi” (o PHA). Si tratta di una questione di particolare preoccupazione e molte risorse vengono destinate all’identificazione e all’acquisizione di quante più informazioni possibili sull’orbita di questi oggetti.

Attualmente abbiamo identificato e conosciamo molto bene l’orbita di oltre il 90% degli asteroidi più grandi di 1 km. Questi quelli che potrebbero causare una catastrofe globale se colpissero la Terra. Quelli più piccoli, però, che possono causare anche seri problemi in caso di collisione, sono più difficili da individuare. Quindi è importantissimo monitorarli continuamente, perché ogni volta che si avvicinano alla Terra, la gravità modifica leggermente la loro orbita cambiando le probabilità di impatto. Il modo migliore per anticipare una possibile collisione è allocare risorse per rilevarla e studiarla su base continuativa”.

Gli Arjuna avanzano nella conoscenza della fascia degli asteroidi vicino alla Terra

Dopo otto anni (dal 16 gennaio 2024) un articolo dello IAC ha assicurato che la conoscenza della fascia di asteroidi che potrebbero minacciare la Terra è molto più avanzata rispetto agli anni precedenti.          

Un’indagine alla quale partecipa l’Istituto di Astrofisica delle Isole Canarie (IAC) analizza l’oggetto 2023 FY 3, membro di un gruppo di asteroidi che segue traiettorie simili a quelle della Terra. I dati disponibili suggeriscono che potrebbe entrare in collisione con la Terra nei prossimi cento anni, anche se date le sue dimensioni non è considerata una grave minaccia.

Lo studio delle caratteristiche fisiche e dell’evoluzione dinamica dell’oggetto 2023 FY 3, a cui hanno partecipato l’Istituto di Astrofisica delle Isole Canarie (IAC) e l’Università Complutense di Madrid (UCM), aumenta la conoscenza che abbiamo sugli Arjuna, che formano la fascia di asteroidi più vicina alla Terra.

Questo studio fa parte di un progetto a lungo termine guidato dalla ricercatrice IAC, Julia de León e il cui obiettivo è lo studio dettagliato degli oggetti vicini alla Terra recentemente scoperti in pericolo di collisione col pianeta. “Siamo particolarmente interessati agli asteroidi di dimensioni comprese tra 100 m e 1 km, che sono quelli che potrebbero causare danni regionali nel caso ipotetico di impatto”, chiarisce de León. 2023 FY 3 misura 5 metri e, sebbene le sue dimensioni ridotte non lo fanno considerare una minaccia per il pianeta, i dati disponibili suggeriscono che potrebbe entrare in collisione con la Terra nei prossimi 100 anni.

Ora conosciamo la composizione della sua superficie, abbiamo un’idea abbastanza precisa delle sue dimensioni, sappiamo che ruota rapidamente e questo ci aiuta a classificarlo come un possibile frammento di un asteroide più grande, e sappiamo anche che è stato sottoposto ad una risonanza orbitale con il nostro pianeta”, spiega Raúl de la Fuente Marcos, ricercatore dell’UCM

Telescopio gemello da due metri, la novità

Gli osservatori delle Isole Canarie hanno effettuato un lavoro per quanto riguarda la parte osservativa (spettrometria e fotometria). Le osservazioni spettroscopiche sono state effettuate all’Osservatorio del Roque de los Muchachos, con il Gran Telescopio Canarias (GTC). “Abbiamo bisogno di telescopi di grande apertura, come il GTC, per essere in grado di studiare la composizione di oggetti piccoli“, commenta de León. L’Osservatorio del Teide utilizzando il Telescopio Gemello da Due Metri ( TTT), recentemente inaugurato ha realizzato lo studio della curva di luce dell’oggetto. La durata dell’analisi è stata di due mesi, tra marzo e aprile 2023, una volta resa pubblica la scoperta.

Con questi risultati abbiamo attirato l’attenzione della comunità scientifica internazionale su oggetti di interesse intrinseco nei settori della difesa planetaria e dello sfruttamento scientifico e commerciale degli asteroidi facilmente accessibili dal nostro pianeta”, conclude de la Fuente Marcos.

Oltre all’IAC e all’UCM, partecipano allo studio anche GRANTECAN (Gran Telescopio Canarias) e Light Bridges SL .

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *